Facebook YouTube Google+ Instagram National geographic
  Photo Gallery
clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire
MARCO DEAMBROGIO
02/12/2014



Marco Deambrogio 48 anni, scrittore e viaggiatore piemontese, da 14 anni gira il mondo da solo: in moto, a piedi, sugli sci, in bicicletta. Marco ha una passione divorante, totale: andare lontano, vedere cosa si nasconde oltre la prossima curva...dice di non essere un viaggiatore estremo, ma guardando le sue imprese, riesce difficile credergli. Forse tutto nasce quando ancora ragazzo legge i romanzi di Salgari, Stevenson e London, ma poi nel 1996 ai voli di fantasia si sostituiscono i fatti. Un giorno mentre attraversa l'outback australiano in jeep, è colpito da una visione: sul bordo della pista sabbiosa, c'è uno scheletro di moto, ed è proprio qui che nasce l'idea di compiere il giro del mondo in moto! Una follia, certo, ma perchè tarparsi le ali? Perchè non programmare un viaggio ai confini dell'impossibile, tra guerriglieri e bufere di neve, poliziotti corrotti, geyser e crateri misteriosi? Nel 2001 il suo sogno diventa realtà partendo in solitaria per la sua grande avventura. Oggi Marco vive in Piemonte, quando non è in giro per il mondo, adora la sua terra d’origine ed è una persona semplice. Un grande uomo che ha avuto il coraggio a 36 anni di lasciare il suo vecchio lavoro per lanciarsi forse nella sua più grande avventura...vivere una vita, la sua vita.

Ricordo tra i suoi libri e soprattutto consiglio vivamente:

"Vivere d'Avventura, il mio giro del mondo in moto"
"Le Tre Vie della Vita, il mio cammino di Santiago"
"Ho incontrato Dio in bicicletta, il mio pellegrinaggio a Roma sulla Via Francigena"

editi da Ultra-Castelvecchi.


COSA TI HA SPINTO A LASCIARE LA TUA VECCHIA VITA PER VIVERE DI AVVENTURA?
Il desiderio di ricerca e la consapevolezza che la vita che stavo facendo non mi appagava più, per cui dall’oggi al domani ho dato una svolta radicale alla mia esistenza: ho seguito i miei sogni.


I TUOI VIAGGI SONO SPESSO IN SOLITARIA, PERCHE’? COSA PROVA UN UOMO NELLO STARE PER GIORNI DA SOLO IN VIAGGIO?
Ho scelto di viaggiare in solitaria in quanto ho un'indole da lupo solitario, e mi piace l’idea di non dover mai rendere conto a nessuno sui miei spostamenti.


HAI PAURA DELLA SOLITUDINE? DAI UNA MOTIVAZIONE ALLA TUA RISPOSTA
Non ho alcuna paura a rimanere solo, anzi è la mia forza. Nell’introspezione profonda delle proprie emozioni c’è la chiave di volta per conoscersi meglio e vivere una vita serena.
Inoltre ritengo che la solitudine romantica è un ottima compagna, e poi durante il viaggio si incontra tanta gente con cui confrontarsi.


SI DICE CHE QUANDO SI E’ DA SOLI O QUANDO SI CORRE UN GRANDE PERICOLO SI RIPERCORRONO DIVERSE TAPPE DELLA PROPRIA ESISTENZA, RACCONTAMI SE C’E’ UN'ANEDDOTO DELLA TUA VITA IN CUI HAI SENTITO QUESTA SENSAZIONE
Durante l’attraversamento in moto dell’Afghanistan in tempo di guerra nel 2002 e in molte aree di conflitto che ho attraversato negli ultimi 14 anni in moto, ho avuto spesso la percezione del pericolo e di non poter più fare ritorno a casa. Ma ho avuto un angelo custode che mi ha protetto.


QUANDO E’ STATO IL TUO MOMENTO “PIU’ ALTO” ?
Ogni volta che tornavo in Italia, nella mia patria, con la mia gente. Io sono molto legato alle mie radici, alla mia famiglia.


COSA CERCHI E COSA TROVI NEL VIVERE DI AVVENTURA? E SOPRATTUTTO COSA E’ PER TE L’AVVENTURA?
L’avventura è nel mio dna, vivo di sogni e li ho sempre realizzati, non mi accontento di una vita che non mi appartiene.


TI SEI MAI ISPIRATO A QUALCUNO, HAI AVUTO DEI “MAESTRI DI VITA”?
Il mio maestro di vita è mio padre Emilio, che nonostante non abbia mai viaggiato in vita sua , mi ha trasmesso i suoi valori morali: l’onestà, il senso dell’onore, il rispetto per i più deboli, la fedeltà alla parola data.


OGGI SEI UN AFFERMATO SCRITTORE, IL SUCCESSO TI HA CAMBIATO?
Io rimango un ragazzo di campagna, vivo isolato dal mondo nella mia piccola fattoria con i miei amati animali, ed ogni volta quando torno a casa è una grande gioia, una festa. Dalle piccole cose, dai gesti semplici, dagli incontri straordinari, vissuti sulla mia pelle, prendo spunto per i miei libri. La mia storia personale non ha nulla di eccezionale, sono solo momenti particolari che ho voluto condividere con i miei lettori, per spingerli a seguire il proprio cuore e i propri sogni. Nei miei libri racconto la mia esperienza d’avventura e di viaggio e cerco di dare anche qualche consiglio a chi vuole cambiare radicalmente la propria vita. Di vita ne abbiamo una sola e dobbiamo lottare e credere nei nostri sogni, ideali e perseguire il cambiamento e l’evoluzione umana, insita in ognuno di noi.


SEI UN UOMO CORAGGIOSO. CHE RAPPORTO HAI CON LA PAURA?
Io conosco bene il sentimento della paura, la paura mi ha accompagnato in molti luoghi remoti e aree di guerra, coloro che non conoscono la paura rischiano di essere schiavi del proprio ego, del desiderio inerte della conquista ad ogni costo, la paura ti salva la vita e non ti fa commettere sciocchezze o gesti inconsulti.
Ognuno di noi deve riconoscere i propri limiti durante un viaggio o un'impresa particolare ed è importante non peccare mai di presunzione o spavalderia. A volte si deve anche rinunciare e sapere riconoscere una sconfitta.


L’AVVENTURA HA UN'ETA'?
Dobbiamo rimanere eterni bambini. Questo è il segreto per apprezzare ogni singolo secondo che scorre sull’orologio delle nostre vite.
Ogni mattina che mi sveglio io ringrazio il buon Dio per ogni emozione e esperienza vissuta nel corso della mia vita.





Resta sempre aggiornato con la Newsletter di Backpacker Adventure.
Contattami per approfondimenti o collaborazioni.