Facebook YouTube Google+ Instagram LinkedIn National geographic
  Photo Gallery
clicca per ingrandire
ISLANDA
08/03/2017
Europa
Islanda



L’Islanda è una delle isole più affascinanti del mondo oltre che la nazione più giovane d’Europa. E’ sinonimo di natura prorompente e primordiale: acqua ed aria pure, paesaggi che nascondono vulcani, ghiacciai, cascate e fratture nella terra da cui si innalzano incredibili geyser. I fiumi islandesi, ricchi di trote e salmoni, sono fra i più incontaminati del mondo e i suoi ghiacciai occupano circa il 10% del territorio complessivo dell’isola. Qui vivono oltre 200 specie di uccelli e la vegetazione, durante il periodo estivo, è rigogliosa e variopinta mentre, in inverno, tutto viene coperto da uno strato uniforme e bianchissimo di neve. La teoria dei quattro elementi: fuoco, aria, terraed acqua, da cui trae origine ogni cosa, in Islanda si applica alla perfezione.
Quest’isola fa innamorare chiunque la visiti! La famosa Ring Road, la strada che effettua il periplo dell’isola, è “pericolosa” in primis perché gli incredibili paesaggi da cartolina che si susseguono uno dietro l’altro potrebbero far distogliere continuamente l’attenzione dalla guida!


Con queste premesse come non andarci? Come non osservare con i propri occhi tanta bellezza?
Ho scelto di partire nella stagione invernale per avere la possibilità di vedere anche l’aurora boreale, uno dei fenomeni più belli e sensazionali che ci regala Madre Natura. Le aurore sono prodotte da particelle elettriche (elettroni e protoni) che arrivano dal Sole e colpiscono la ionosfera terrestre, ossia la parte di atmosfera compresa tra i 100 e i 500 km di altitudine. Quando il fenomeno elettrico si esaurisce, l'energia prodotta dagli elettroni si trasforma in luce visibile nel cielo, che si manifesta con una miriade di colori che assumono diverse sfumature che vanno dal verde al rosso, dal viola all’arancio. Uno spettacolo che non può non lasciare incantato chiunque abbia la fortuna di vederlo!


In questo viaggio non sarò da solo, ma con tanti compagni di viaggio: grazie ad Avventure nel mondo coordinerò questo splendido tour on the road. Atterrati a Keflavik, la città aeroportuale, andremo subito verso il Golden Circle, visitando il parco nazionale di Thingvellir, ove nel 930 nacque il primo Parlamento islandese e dove si può ammirare “il punto d’incontro” tra le placche continentali di Europa ed America. Proseguendo ammireremo il grande Geyser, lo Strokkur, e la splendida cascata Gullfos. La giornata, già intensa, terminerà con la visita di un’altra meravigliosa cascata, quella di Skogafoss. La lunga ed esaltante Ring Road, ci porterà a Skaftafell: qui l’enorme ghiacciaio Vatnajokull ha saputo mescolarsi con boschi di betulle creando dei paesaggi incredibili. Poco distante da Skaftafell, sorge l’impressionante laguna Jokulsarlon con i suoi iceberg galleggianti che si manifestano in figure incredibili. Qui avremo la possibilità di visitare una grotta di ghiaccio e vivere così un’esperienza indimenticabile!

Dopo aver trascorso la notte nella città di Hofn, continueremo il viaggio percorrendo tutta la costa sud-orientale per poi deviare verso l’interno ed arrivare al noto lago Myvatn. Qui, se il tempo sarà clemente, potremo visitare il cratere di lava del vulcano Hverfjall, le solfatare di Namafjalled, il campo lavico di Dimmuborgir. Un’esaltante giornata che potrà essere completata con un momento di relax nel meraviglioso stabilimento termale Myvatn Nature Baths.
La città di Akureyri, la capitale del nord, sarà allora la nostra tappa successiva. Da qui sarà possibile visitare la splendida cascata di Godafoss ed il fiordo Siglufjordur, che raggiungeremo dopo aver percorso un tragitto particolarmente suggestivo.

Meravigliosi fiordi si susseguiranno uno dietro l’altro e il paesino di Stadur ci ospiterà per la notte, non prima di aver fatto una deviazione nella penisola di Osar, dove c’è la suggestiva spiaggi delle foche. Percorreremo poi l’intera costa della penisola di Snaefelness, giungendo fino al punto più ad ovest dell’Islanda, facendo tappa nel paesino di Stykkisholmur, salendo fino in cima alla rocca panoramica. Il nostro giro, quindi, procederà fino ad arrivare all’estremità occidentale dell’isola, ed al pittoresco faro di Hellissandur, costruito su una bellissima scogliera nera, popolata da diverse specie di uccelli e spazzata dal vento.

Borgarnes sarà l’ultima tappa prima di entrare a Reykjavik, la capitale più settentrionale del mondo che ci ammalierà con i suoi edifici colorati e i locali animati. Dopo oltre una settimana passata nella natura selvaggia e tra paesaggi incantevoli, sarà qui nella capitale che si concluderà il nostro viaggio, magari non dopo aver superato la prova di coraggio nell'assaggiare l'hàkarl, il famoso squalo putrefatto tipico islandese.

 



Resta sempre aggiornato con la Newsletter di Backpacker Adventure.
Contattami per approfondimenti o collaborazioni.